Pasta con pesto di broccolo romano e pomodori secchi

330 grammi di penne integrali montebello

200 gr di broccolo romano

20 mandorle tostate

6 capperi sotto sale

2 pomodori secchi sott’olio

4 cucchiai d’olio

Frullare le mandorle, i pomodori secchi scolati dell’olio e fatti rinvenire in poca acqua, il broccolo a pezzetti (crudo) e i capperi nel mixer. Aggiustare con sale e olio per ottenere la giusta consistenza del pesto.

Nel frattempo cuocere la pasta in abbondante acqua salata, scolare al dente e ripassare velocemente in padella, aggiungendo un filo d’olio a crudo.

Annunci

Vellutata di zucchine

Estate, per chi come noi non si fa tentare dagli ortaggi fuori stagione, vuol dire “frutta” dall’orto…allora zucchine in tutte le maniere! E poi, pomodori, melanzane, peperoni…frutti gustosi e colorati!

La vellutata (da servire tiepida) è un primo piatto che adoro, e, con l’aggiunta del basilico appena raccolto dal balcone…diventa profumatissima e fresca!

Per 2 persone servono:

700 gr di zucchine lavate e tagliate a dadini
5 cucchiai di olio etravergine di oliva
1 bicchiere d’acqua
100 ml di panna fresca
6 foglie di basilico spezzettate con le mani
4 fettine di pane tagliato a dadini
sale q.b.

Cuocere in padella le zucchine a dadini con 3 cucchiai di olio, l’acqua e il sale.

Mentre le zucchine intiepidiscono, “friggere” i dadini di pane nei restanti 2 cucchiai di olio.

Mettere nel bicchiere del mixer 6 belle foglie di basilico appena raccolto, aggiungere le zucchine ed iniziare a frullare. Ultimare aggiungendo la panna fresca, frullare ancora per qualche istante, fino ad ottenere una consistenza omogenea.

Impiattare decorando con i crostini di pane e alcune foglioline di basilico fresco.

Prepariamo il cardo

 

Il cardo è buonissimo, purtroppo però, spinoso e fibroso com’è, mette un po’ in difficoltà chi lo deve cucinare, restando a volte amaro, a volte “stopposo”

Ecco allora alcuni passaggi, fotografati passo per passo, per ottenere un cardo tenero e dolce alla fine della cottura.

Ci serviranno due coltelli ben affilati, uno più grande per tagliare le foglie esterne e il fondo, uno più piccolo per rifinire.

Tagliamo il fondo,

iniziamo a togliere i bordi “pungenti” delle coste,

e togliamo la parte alta della costa, di solito un po’ rovinata,

togliamo ora la parte fibrosa della costa tagliandola con il coltellino,

ed infine la pellicina interna (che se non viene tolta rende amaro il cardo),

tagliare in pezzi e lasciarlo in acqua acidulata con limone o aceto di mele.

Terminata la pulizia del cardo, preparare con due cucchiai di farina e un cucchiaio di acqua una pastella abbastanza liquida, che servirà durante la cottura.

Versare la pastella nella pentola con l’acqua,

mescolare bene ed aggiungere i pezzi di cardo scolati e sciacquati, lasciar cuocere per circa 35-40 minuti.